NEI SUOI OCCHI VEDO, SPIAGGE E TRAMONTI CHE NON FINISCONO MAI

Senza categoria

VENDESI CASA IN CAMPANIA

Esterno della casa, pian terreno e primo piano

Vendesi casa In Campania a Lacedonia (AV)  6,5 locali, metri quadri 72. Posizione soleggiata tutto il giorno zona tranquilla, con terreno davanti e dietro circa 40 metri quadri. Al primo piano, tre stanze, atrio, cucina e servizi. A piano terra una stanza, con servizi più doccia. Cantina e ripostiglio. Garage per due posti macchina. Riscaldamento autonomo a Gas. Eventualmente si affitta con diritto d’acquisto contratto per 5 anni. Vendo a euro 45.000 non trattabile. Costruzione del 2000. Interessati telefonare 0041.91.972.77.07. e-mail mbortone83@gmail.com

Giardino retro della casa

Giardino retro della casa

Porta entrata primo piano

Atrio entrata primo piano

Piccolo giardino davanti entrata pian terreno
Senza categoria

TRANSUMANZA PATRIMONIO UNESCO, LA RAI A LACEDONIA PER IL RACCONTO DEL MITO

Dalle 9.30 agricoltori, imprenditori e gente comune si ritrova nella piazza principale per partecipare al reportage del servizio pubblico. Il promotore dell’evento, il sindaco Di Conza: “Su una tradizione millenaria, la valorizzazione del territorio”

Di Elisa Forte

La Rai a Lacedonia stamane per accendere i riflettori sulla Transumanza patrimonio Unesco. Candidata dal’Alta Irpinia al riconoscimento più ambito, patrimonio dell’umanità, la transumanza ottiene l’attenzione dei media nazionali e internazionali in particolare a Lacedonia, individuato come un crocevia storico di questa tradizione. La migrazione stagionale del bestiame alla ricerca del cibo identifica un tratto saliente della storia ultra millenaria europea che passa proprio di qui. Il Comune di Lacedonia apre le porte alle telecamere di Rai Tre per documentare e illustrare uno scorcio di questa cultura, che ancora oggi contraddistingue questi luoghi. A tale proposito sono state invitate tutte le aziende agricole e la cittadinanza a ritrovarsi nella piazza principale, per partecipare al’evento e rendersi protagonisti.

Antonio Di Conza Sindaco di Lacedonia

A circa un mese dal pronunciamento del Comitato del Patrimonio Mondiale dell’Unesco a Bogotà, l’amministrazione comunale di Lacedonia guidata da Antonio Di Conza celebra l’opportunità di veder riconosciuto il territorio e la sua tradizione di fronte al mondo. La Transumanza Patrimonio Unesco è il primo passo verso lo sviluppo di una politica di valorizzazione del territorio, nel dialogo a maglie strette non solo con i Comuni irpini interessati dal regio tratturo, ma un coinvolgimento ben più ampio, dall’Abruzzo al Tavoliere delle Puglie. “Si tratta di un’occasione unica per Lacedonia, ma lo è innanzitutto per l’Italia e per la Campania, di cui siamo l’unico Comune che ha ottenuto il riconoscimento, grazie alla presenza per percorso solcato dal regio tratturo” ha spiegato il sindaco Di Conza. Si rafforza il patrimonio universale italiano e campano in particolare, che registra la decima “bandierina” e scala la classifica nazionale come prima regione d’Italia per siti ed elementi iscritti nelle liste dei patrimoni culturali materiali e immateriali. La Transumanza patrimonio Unesco si aggiunge dunque alla lista e si posiziona dopo la Dieta Mediterranea, l’Arte dei Pizzaiuoli Napoletani, le Macchine a spalla di Nola, il Centro storico di Napoli, la Reggia di Caserta, il complesso monumentale di Santa Sofia a Benevento, Pompei ed Ercolano, la Costiera Amalfitana, il Parco Nazionale del Cilento.

IL LOGO UNESCO

“Noi avevamo i requisiti, ma intendiamo condividere questo risultato con tutti i comuni, per investire sulla progettualità, il turismo e la sensibilizzazione della popolazione al valore dell’etnografia e dell’antropologia, di cui siamo custodi. Il nostro patrimonio rurale è la nostra ricchezza, e su questo possiamo costruire decine e decine di percorsi, a partire dal recupero delle sorgenti. Gli spostamenti del bestiame e la definizione delle rotte erano dettate anche dalla possibilità di abbeveraggio e Lacedonia ha tante sorgenti da recuperare” continua Di Conza. “Vogliamo costruire un brand di prodotti tipici a marchio Unesco e mettere in piedi tantissime iniziative”. IN PRIMAVERA SARÀ GIRATO UN DOCUMENTARIO SUL TRATTURO. La prima rete menzionata dal sindaco di Lacedonia è stata “Borghi in rete” con Zungoli capofila, con cui intende collaborare per costruire un’ampia mappa progettuale. “Illustreremo alle telecamere della Rai un assaggio del nostro patrimonio, con esposizione di prodotti tipici e una breve illustrazione di quello che vorremmo fare, ma ci siamo riservati di girare un documentario in primavera per entrare nel dettaglio. Il riconoscimento della transumanza è dell’Italia e del mondo, e partendo da Lacedonia abbiamo la possibilità di migliorare e rendere ancora più attraente la nostra regione” conclude. L’antica pratica della pastorizia diventa l’emblema della storia delle migrazioni e dell’umanità in generale: come il bestiame viene trasferito lungo le rotte migratorie del Mediterraneo e nelle Alpi per sostentarsi e per garantirsi una sopravvivenza, così l’uomo si è spostato nel tempo, inseguendo la possibilità di sfamarsi. A Lacedonia, come in altre località, la transumanza si è sviluppata lungo le vie dei tratturi, che testimoniano ancora oggi un rapporto equilibrato tra uomo e natura e un uso sostenibile delle risorse naturali. L’antico tratturo di Lacedonia viene utilizzato ancora oggi per la migrazione del bestiame al cambio delle stagioni, e più di ogni altro sito candidato, è in grado di fornire una testimonianza diretta su una pratica preistorica, le cui radici si mostrano tutt’ora salde.

Foto Rosanna Pagliuca I FISARMONICISTI DEL DOMANI, BIMBI CHE INTRATTENGONO IL PUBBLICO
Foto Rosanna Pagliuca PRODOTTI LOCALI

Senza categoria

"SCENDE LA NEVE, IL FUOCO SALE, RISCALDA GLI ANIMI LA MAGIA DI NATALE"

( Luigi Salzarulo – rime – Lioni,falo’ dell’Immacolata 🙏🌹❤️ )

il Natale a casa mia iniziava in anticipo,ed esattamente il giorno 8(otto) di dicembre, poiche’ in questa data ricorreva contemporaneamente, l’onomastico di mia madre ed il compleanno di mio padre.Bellissimi ricordi, poi di sera si usciva e si scappava a guardare con il naso schiacciato le vetrine del corso piene di pastorelli,palline natalizie e filamenti colorati.La piazzetta principale con il suo grande albero di Natale(foto introvabile) accendeva le sue luci il giorno otto di dicembre. Un pino naturale piu’ alto della Chiesa Madre che veniva interrato togliendo le grandi pietre di lava vulcanica (“vasoli” ) che arredavano il corso.Nel raggio di 300 metri erano ubicati i tre negozi piu’ importanti del paese : Gemi’ L’Americano,Alifano e Fusco. Guardare le loro vetrine nel periodo natalizio era un vero spettacolo quasi come andare a teatro.Purtroppo,aime’,oggi’ questi tre negozi non esistono piu’.Questo la dice lunga e mette una gran tristezza vedere oggi il corso desolato mentre una volta era il cuore pulsante del paese,sempre pieno di gente a qualsiasi ora e soprattutto di sera per l’abituale passeggiata. La serata si concludeva con l’immancabile giro dei falo’ accesi nei diversi quartieri del paese in devozione della Madonna Immacolata Concezione. Concetta ed Antonio,mio padre e mia madre. A me piace ricordarli cosi’, nella loro gioventu’, per dare eternita’ al tempo e valore alla loro vita intrisa di onesta’, umilta’, sacrificio e rispetto per gli altri.il pensiero quotidiano e’ la nostra forza per vivere,la breve storia appena raccontata, purtroppo,e’ di altri tempi che non torneranno piu’…. Fraterni saluti, Luigi Salzarulo.

Senza categoria

ADDIO AMICO… RIPOSA IN PACE, “SUONERAI E CANTERAI CON GLI ANGELI.”

Foto ADNKRONOS.COM
Alfredo Antonio Carlo Buongusto, in arte Fred Bongusto… nasce a Campobasso 6 aprile 1935, cantante e compositore italiano. Voce calda, sensuale… emerge negli anni sessanta e settanta. Cantante confidenziale, il successo discografico che lo lega all’amicizia Chigo Agosti, che gli scrive e compone il brano… “Bella vellissima”, un 45 giri che incide nel 1962, lato B, brano “Doce doce”, che divenne il suo trampolino di lancio. Nell’anno 1964 “Una rotonda sul mare” viene considerato il suo grande successo. Altri suoi brani noti: Malaga, Spaghetti a Detroit, Amore fermati, Doce doce, Frida, Tre settimane da raccontare, La mia estate con te. Negli anni settanta, autore di colonne sonore di film, genere delle commedia all’italiana. Ha preso parte come attore film: “Obbiettivo ragazze 1961, Peccato veniale 1974” Ha trascorso gran parte del suo tempo ad Ischia, l’isola che ha amata e ha stabilito il suo buon ritiro. Il borgo marinaro di Sant’Angelo, dove l’ho ha ispirato e composto le sue canzoni più belle. Bongusto oltre al canto… giovanissimo ha giocato al calcio, mostrando buone qualità, il suo sport preferito successivamente il tennis. Disciplina che si è fatto apprezzare, raggiungendo un buon livello agonistico. Passione per l’antiquariato, nel tempo libero leggeva fumetti Tex Willer. Il 18 marzo 2005 il Presidente del Consiglio l’ho premia con targa d’argento per i suoi 50 anni di carriera. Il 2 giugno 2006 la nomina di commendatore. Bongusto è vittima di un fatto di cronaca… in sua assenza due terroristi armati in sua assenza, si introducono nella sua abitazione spacciandosi per fattorini; dopo aver legato ed imbavagliato e malmenato le due donne alla presenza della moglie e la loro governante… portano via da casa denaro, gioielli e il disco d’oro di Bongusto… valore diverse centinaia di milioni. Fred Bongusto con il suo bel canto, ha incantato e fatto innamorare… così tra la notte il 7 e l’8 novembre alle 3.30, vola tra gli Angeli. L’Italia e il mondo della musica, lo ricorda definito crooner melodico… il Frank Sinatra all’italiana.

arte.

VALERIANA… “LA REGINA DEL SONNO”

Radice di valeriana per il trattamento degli stati di irrequietezza e dei disturbi dell’addormentamento di origine nervosa. La valeriana è una pianta perenne con foglie pennate e piccoli fiori bianchi o rosa in corimbo. Pianta originaria dell’Europa e dell’Asia, è presente anche nell’America nordorientale. Nella medicina moderna naturale estratti di radice essiccata impiegati nei medicamenti fiso terapeutici. Ottimo calmante e di induzione del sonno. La radice di valeriana deriva dalla sua combinazione di componenti (mono e sesquiterpeni, lignani, flavonoidi e oli essenziali).

Nella foto sotto capre bianche e nere al pascolo Sempre più ci si pone sul futuro dell’agricoltura e dell’allevamento negli ambienti montani e quali sono le possibili soluzioni per consentire le importante attività primarie nell’ambito di svantaggi naturali Purtroppo gli l’allevamenti zootecnico nell’area alpina ha registrato nell’insieme una forte diminuzione… come numero di capi in allevamenti come numero di aziende. Attività che si tramandano e che perdurano, nonostante le moltitudine di problemi legati alla modernità. La pastorizia ovina transumante, che oggi più che mai essere stata a lungo dimenticata… La transumanza  una pratica antica. Consiste lo spostamento del gregge o della mandria nei pascoli a valle durante la stagione fredda, e in  montagna durante quella estiva. Alla naturale ricerca di cibo che porta il gruppo a viaggiare inseguendone la migliore abbondanza – che nella (cioè la salita e la discesa dal monte) ricorda delle dicerie che raccontavano i pastori dopo una dura giornata di lavoro. A sera il pastore rinchiudeva il gregge all’ovile e contava i capi conta e riconta… ma i conti non tornano manca “Nerina* la sua capretta speciale. Incomincia a ripercorrere i pascoli della giornata e di tanto in tanto chiamando per nome… “Nerina dove sei.” Continua a cercare con il suo cane, ad un tratto poco lontano su un dirupo sente con voce rauca la sua capretta. Stranamente il sole tramonta e le tenebre scendono sulla campagna. Il pastore non si da per vinto, contento di aver trovato Nerina, si appresta a scendere  quel dirupo per salvarla. Ad un bel momento una voce tra il chiaro e scuro diceva: “BUTTALO GIÙ!”. L’altro alle spalle del pastore che era… (IL DEMONIO.) Non posso… ha una foglia di Velleriana nello stivale. Ora immaginatevi la prodezza e il miracolo della pianta, un rimedio che può creare un effetto paradossale eccitante. Si usa per facelitare il sonno.

Capre bianche e nere al pascolo… foto Candido Quatrale